Ricerca in abitazione privata a Latina

Storia:

Dal punto di vista storico la casa risulta essere di recente costruzione, non si possono riferire ulteriori dettagli per poter mantenere l’anonimato dei nostri committenti.

Testimonianza dichiarate in fase preliminare:

L’insieme di segnalazioni giunte sulla nostra piattaforma web, denunciavano da parte della famiglia ospitante la nostra ricerca, una serie di fenomenologie ampiamente aderenti alla casistica conosciuta sotto il profilo delle anomalie spontanee di ‘carattere infestatorio’.
Fenomeni psicocinetici di tipo uditivo e Raps oltre ad improvvise variazioni della temperatura ambientale. Al momento della nostra Ricerca, avvenuta sul finire dello scorso mese, abbiamo trascorso circa un paio d’ore preliminari per conoscere di persona i vari ambienti dell’abitazione e raccogliere contestualmente la testimonianza diretta di ogni singolo componente della famiglia. Le testimonianze raccontano di fenomeni diversi tra loro, spontanei che sembravano però così invasivi e diretti che difficilmente potevano essere ricondotti ad un fenomeno di tipo residuale. Alle 22:40 circa, su disposizione di Daniele Cipriani, abbiamo disposto il ‘centro raccolta dati’ su un lato del salone e distribuito le telecamere ad infrarossi ed i rilevatori audio nei tre hot spot dell’appartamento, indicatici come i punti più sensibili: corridoio area notte, stanza ospiti e camera padronale proprio in fondo al corridoio stesso.

La ricerca

Durante una prima fase di stimolazione ambientale, la sessione sembrava dare delle risultanze immediate di sottofondo ma dopo un attenta analisi, tutte emesse impercettibilmente dalla bambina piccola addormentatasi nella stanza da letto padronale. Nella fase successiva, abbiamo operato sotto il profilo fotografico (UV/IR) diverse serie di scatti dai quali non è emersa alcuna anomalia, contrariamente ai risultati ottenuti dalla fotocamera termica. Ci si è concentrati su uno dei componenti della famiglia pensando che potesse in qualche modo avere maggiori possibilità di contatto con l’eventuale presenza. Possibilità ovviamente determinate da una presunta medianità latente ed inconscia. Ogni ambiente è stato monitorato con diversi rilevatori e controllato costantemente dalla presenza di un operatore e di telecamere fisse con visione notturna.

Anomalia 1:

Come evidenziato dall’allegato, in un particolare fotogramma (nel contesto di una lunga sequenza di foto), si evince sul lato sinistro una formazione antropomorfa che non coincide affatto con la disposizione dei presenti seduti attorno al tavolo ma con profondità diversa, tantomeno con la temperatura riflessa emessa: inferiore di abbondanti 5 gradi rispetto a quella corporea dei presenti in sala. Nel medesimo istante, senza l’ausilio della termica non era visibile alcunchè nel punto dove poi si è venuta a formare la figura antropomorfa.

 

Dettaglio della figura

Conclusioni:

Dall’analisi del materiale acquisito all’interno dell’abitazione possiamo concludere che durante la ricerca si sia manifestata una formazione anomala poi ripresa attraverso la fotocamera termica. La materializzazione è avvenuta spontaneamente dopo lunga stimolazione ambientale, non possiamo perà affermare con certezza che si tratti di un extra intelligente. Rimane in piedi l’ipotesi residuale così come l’ipotesi che una delle persone presenti in casa possieda una medianità latente che è causa delle molteplici manifestazioni dichiarate e quindi dl fenomeno stesso ripreso dall’associazione. Resta certa la presenza di attività paranormale all’interno della casa. Seguiranno ulteriori ricerche per approfondire le eventuali cause e la natura dei fenomeni presenti.

 

Condividi sui social

Author: admin